Test DNA Celiachia

Test con tampone boccale, con risultato in 15 giorni lavorativi, per scoprire se si portano i geni HLA DQ2 e DQ8 associati ad un aumento di rischio di celiachia. 
La celiachia è una malattia autoimmune causata da una intolleranza al glutine. 

Mal di stomaco, gonfiore, flatulenza, diarrea, indigestione, stitichezza, affaticamento, perdita di peso, dermatite e difficoltà di rimanere incinta. 

Non è un test diagnostico, ma mostra se si hanno o meno i geni scatenanti la malattia.

Tuttavia, se i risultati del test mostrano che non si hanno i geni rivelanti, si può essere certi che non ne si soffrirà mai.

Produce una determinata proteina che è progettata per contenere batteri, virus o altre particelle estranee sulla superficie della cellula. Se si ha il gene difettoso, il corpo umano non è in grado di distinguere l’HLA dal glutine, il che innesca una reazione autoimmune. 

Non esiste attualmente alcuna cura e nessuna terapia farmacologica disponibile per chi soffre di celiachia. Invece, è necessario seguire una dieta rigorosamente priva di glutine, in quanto questo è l’unico modo certo per evitare di danneggiare la mucosa dell’intestino tenue.

Si può avere la possibilità di effettuare in una unica seduta test lattosio e celiachia, una combo perfetta per comprendere al meglio la propria situazione intestinale.


Intolleranza Lattosio

Test eseguito utilizzando un tampone orale, con risultato in qualche settimana.

L’intolleranza al lattosio non è la stessa cosa di un’allergia alimentare al latte. È un problema digestivo comune il quale implica che il corpo non può digerire il lattosio, un tipo di zucchero naturale, che si trova principalmente nel latte e nei latticini. 

Il corpo digerisce il lattosio usando una sostanza chiamata lattasi. Questo rompe il lattosio in due zuccheri chiamati glucosio e galattosio, che possono essere facilmente assorbiti nel flusso sanguigno. Le persone con intolleranza al lattosio non producono abbastanza lattasi (oppure anche con la crescita si tende a produrne meno) quindi il lattosio rimane nel sistema digestivo dove viene fermentato dai batteri. Questo porta alla produzione di vari gas, che causano sintomi fastidiosi come flatulenza, crampi allo stomaco, dolori e gonfiore.

 

Alcune persone che hanno intolleranza al lattosio non possono digerire alcun prodotto lattiero-caseario. Altri possono mangiare o bere piccole quantità di prodotti lattiero-caseari o determinati tipi di prodotti lattiero-caseari senza problemi.

Non esiste una cura per l’intolleranza al lattosio. È necessario modificare la dieta per ridurre i sintomi evitando o riducendo i prodotti lattiero-caseari.

Se non si riesce a mangiare cibi caseari, si potrebbe non assumere abbastanza calcio nella propria dieta. Gli alimenti non caseari che contengono calcio comprendono verdure a foglia verde, semi di soia, tofu e sardine.

 

Una giusta raccomandazione è l’assunzione di supplemento di calcio e vitamina D, ma comunque sempre meglio prima effettuare il test per poter capire come procedere e affrontare nei migliori dei modi un eventuale problema.


Test allergie alimentari

Con un prelievo semplice e indolore, si rivela la presenza di anticorpi IgE specifici nei confronti di allergeni alimentari.

  • Albume 
  • Latte di mucca
  • Merluzzo 
  • Grano
  • Arachidi 
  • Soia 
  • Sedano 
  • Mandorla 
  • Noce
  • Nocciola
  • Pomodoro 
  • Mela 
  • Salmone 
  • Persico
  • Carpa
  • Gamberetti 
  • Maiale
  • Manzo 
  • Agnello 
  • Pollo
  • Carota 
  • Arancia 
  • Kiwi
× Scrivimi